Tutte le nostre degustazioni di vino

Informazioni sulla nostra degustazione di vini

The wine tastings, these innovative concepts for discovering wine, wine producers, vineyard and winery, are growing more and more in France and all around the world. Wine enthusiasts, sommeliers, restaurant owners, and wine lovers have fresh ideas and new approaches to discover and promote their wines and share their passion with other wine lovers in a tasting room, a wine cellar, a bar or a restaurant serving good wine.

The image of French wine abroad represents French luxury, and great professionals and connoisseurs are taking advantage of it to propose some of the best and most unique wine tastings. Red wines such as an award-winning Pinot noir, a delicate Cabernet Sauvignon, the fruity white wines’ tasting notes, or a wine tasting experiment with sparkling wines. These are some of the many things you can enjoy when sipping wines at some of the best wine tasting events when having your holiday in the wine country.

Whether you are in Paris, in the Bordeaux region, or on the Cote d’Azur, you will always find some of the best organizers of wine tastings, to learn about wine during your holidays in France. Wine tastings generate positive enthusiasm from professionals and individuals. The French Flair is being promoted through the many young wines and local wines during wine tasting experiences or a blind taste. They are significant events to meet new people and share knowledge about wine in general.

 

Why a wine tasting? The reasons are not lacking!

In the wine community, there are the creators, the artists, the perfectionists, and at the end of the chain, the speakers. The speakers speak, taste, and select their ways. Then according to their criteria, they choose the bottles of the winegrowers to share, taste, and tune them on different gastronomic agreements. They are the key people you will have the chance to meet at your wine tasting!

Your choice will always be right because it’s yours!

As we all know, tasting a glass of wine to make your own opinion is the best step not to be wrong and to make the right choice. The reason is quite simple: we all have our personal taste, and we can all enjoy the same wine differently! But do not make me say what I did not say, “Your choice will always be good because it’s yours!”

Lo stesso vino sarà valutato diversamente a seconda dell’ambiente

Abbiamo spesso grandi opportunità di assaggiare nuovi vini. Non dobbiamo privarcene! Sono spesso momenti unici per scoprire una nuova regione, un nuovo vitigno, una piccola azienda o semplicemente una nuova annata.

Tuttavia, bisogna sapere che a seconda del momento e del luogo in cui si assaggia, non si apprezzerà il vino allo stesso modo. L’ambiente gioca sul vostro giudizio. Anche la vostra forma fisica e la vostra predisposizione psicologica giocano.

È già successo a tutti noi che in un giorno particolare, apprezziamo fortemente un bicchiere di vino… e di avere un giudizio diverso qualche giorno dopo. È perfettamente normale.

Le stoviglie adatte sono la chiave

Per imparare a degustare il vino, meglio il bicchiere da vino adatto, idealmente un bicchiere a tulipano. Permetterà al vino di aerare concentrando gli aromi nella parte superiore. Un bicchiere per ciascuno dei vini è il modo migliore per scoprire l’odore del vino se si devono assaggiare diversi allo stesso tempo è l’ideale. Ci permette di confrontare meglio i vini tra loro.

Prima di iniziare la degustazione, lascia raffreddare il vino per circa un minuto. Dipenderà dal vino, ma ha bisogno di aerare dopo lunghi mesi nella sua bottiglia.

In quale ordine degustare i vini

È meglio iniziare con i vini meno potenti. Non parliamo necessariamente di alcol ma di un vino con molta leggerezza. La ragione è, ancora una volta, abbastanza semplice. Se si inizia con un vino troppo potente, i successivi non saranno in grado di esprimere la loro ricchezza e la loro complessità.

In generale, più si va verso sud, più i vini saranno potenti… ma questa è solo la teoria! Infatti, ogni vitigno, ogni vigneto, ogni parcella può rivelare caratteristiche specifiche di vini eccellenti.

Consigli per la degustazione del vino: come valutare il vino?

Ci sono tanti modi di degustare quanti sono i degustatori. Affrontare questa domanda è, quindi, precipitarsi in un universo molto vasto. Ma è anche molto più facile di quanto sembri. Se provate piacere nella degustazione, è che il vostro metodo è quello giusto!

Comunque, non è necessario padroneggiare tutti i lessici del sommelier. Basta avere in mente alcune idee che possano decodificare meglio un vino. E come per ogni metodo, l’esperienza vi permetterà di forgiare il vostro.

 

1.L’occhio

Si possono ammirare le bollicine in un bicchiere di champagne o il colore di un vecchio Sauternes. Ma dimenticate quelle storie sull’enorme importanza dell’aspetto del bicchiere di vino che state degustando.

L’esame visivo ci dà poche informazioni. L’abito del vino (cioè il suo colore) può indicare che un vino è più o meno concentrato. Ma i controesempi sono legione. Alcuni vitigni (come il Pinot Noir) possono essere meno tinti e dare vini corposi. È solo nel contesto di una degustazione alla cieca che questa fase è utile: può indicare l’età del vino. Guardiamo allora, non il colore ma i riflessi.

Per il vino bianco, guarderemo i riflessi del disco mettendo l’occhio al bicchiere. Un vino bianco ha prima dei riflessi verdi, poi argento, poi oro e bronzo. Un bianco con riflessi argentati è probabile che sia un vino giovane, come un vino di uno o due anni.

Per il vino rosso, portiamo il bicchiere davanti a un foglio bianco e lo guardiamo. I riflessi sono dapprima di tonalità ciliegia o lampone, per evolvere verso la mattonella.

2. Il naso
Il naso si analizza in due fasi: il primo e il secondo naso.

Il Primo naso: sentiamo il vino senza arieggiarlo, cioè senza muovere il bicchiere. In generale, questo naso non è molto potente. È così che si identificano i difetti del vino. Gli aromi non sono ancora presenti, i difetti “saltano al naso”, come il famoso “sapore di tappo”, anch’esso molto evidente al naso.

Il secondo naso: si fa arieggiare il vino, e man mano che si apre, i suoi aromi si decuplicano. Il vino è un prodotto vivo che reagisce con l’aerazione. Se non sentite nulla, può essere che il vino abbia ancora bisogno di essere aerato (nella bottiglia o nella caraffa). È interessante muovere il naso nel bicchiere per rilevare nuovi aromi.

Ma riconoscere che un vino profuma di peonia non è essenziale, tutt’altro. Alcuni punti da sapere:

  • L’enologo non aggiunge gli aromi (beh, di solito).
  • Un vino che profuma di rosa non ha macerato con i petali.

E precisamente, possiamo raggruppare 3 famiglie di aromi:

  • Gli aromi primari che provengono dall’uva (un vino fatto con Gewurztraminer, spesso esprime aromi di rosa e litchi)
  • Aromi secondari: provengono dalla fermentazione.
  • Aromi terziari: sono gli aromi che provengono dall’allevamento.

 

3.La bocca

È probabilmente la fase più critica. È essenziale tenere il bicchiere per il piede. Perché la presa del bicchiere influenzerà il luogo dove il vino arriverà nella nostra bocca. Ma i sensori di acidità, dolcezza, amarezza e acidità non si trovano nelle stesse zone della bocca. Sarà necessario girare il vino in bocca per decifrarlo completamente.

  • È persino consigliabile aspirare l’aria nello stesso momento (si parla di vino brontolone) che ci piace arieggiare. Non è scortese fare rumore mentre si gusta il vino!

Infine, presteremo particolare attenzione alle 3 fasi:

  • L’attacco: guardiamo soprattutto la sua potenza: è franco, flessibile.
  • La metà del palato: è il momento in cui i sapori del palato si dispiegano con l’acidità per i bianchi e i tannini per i rossi. In questo momento, possiamo analizzare la struttura del vino.
  • Il finale: a quali sapori evolve il vino? E soprattutto, per quanto tempo il vino persiste in bocca?
    Durante una degustazione di vini, riconoscerete un grande vino premiato per la sua capacità di evolversi in bocca e di persistere anche una volta che abbiamo deglutito. Ricordiamo che è perfettamente ragionevole sputare un grande vino durante una degustazione.

Quindi, se volete saperne di più sui molti eventi di degustazione di vino disponibili nella vostra zona, mettetevi in contatto con alcuni dei migliori organizzatori di eventi di degustazione di vino e godetevi qualche serata divertente con altri appassionati di vino.

Basta tenere a mente che una valutazione di degustazione di vino è molto personale, e ognuno di voi avrà un apprezzamento diverso, è normale.